di Augusto Tocci

A casa Tocci si adopera un sistema che potrebbe essere definito “sottovuoto naturale”: si prendono di vasetti a chiusura ermetica di quelli usati per tutti tipi di conserva della lunghezza all’incirca, delle salsicce, e su questi si inseriscono, due, 3,4 pezzi facendoli entrare a forza.

A parte si fa sciogliere lo strutto di maiale che caldo si versa piccole gocce ( qualche cucchiaio da minestra ) dentro i vasetti, si chiude con il loro coperchio e si ribalta il tutto per far scivolare il liquidò nel fondo.

A contatto con il coperchio, il liquidò solidificandosi, va a formare un avere propria guarnizione impedendo qualsiasi contatto con l’esterno, le salsicce rimangono libere e pulite e senza nessun contatto con lo strutto ed il sottovuoto avviene perché mettendo nel vasetto di liquidò caldo l’aria residua tende a uscire dal contenitore.